mercoledì 30 novembre 2011

La dama

In un tempo passato,
con un dolce respiro rubato,
una giovane dama ha peccato.
L’anima pura ha condannato
ed il sangue versato
il casto manto ha macchiato.
Il piccolo cuore stremato,
nell’esile corpo straziato,
nel segreto han trascinato
e il nome suo mai più fu sussurato.

(Sabry aka Iside)

Sangue e linfa

sabato 26 novembre 2011

Salamandra


Distesa su umorali terreni
di vita terrena e di ancestrali profumi,
regina del tuo regno fatato,
mi osservasti incuriosita.
Ed io, piccola intrusa,
mi stesi accanto a te.
ed imparai.
Imparai che il tuo camminare strisciante
era composto da quella dignità
persa nell'indietreggiare eretto dell'uomo.
(Sabry aka Iside)


mercoledì 23 novembre 2011

Un pensiero


Pensato con ogni senso e in ogni senso.
Che sia pensiero insensato
Amato ed infine Bruciato nel Creato
Dilaniato e mai più Generato.
(Sabry aka Iside)

martedì 22 novembre 2011

Stella cadente


Stella cadente
(da un letto sofferente)
rotola sul corpo
(letto di rugiada)
punta su punta
(letto di spine)
riveste di diafana polvere
(letto d'oblio)
l'anima stanca.

Sabry aka Iside

domenica 20 novembre 2011

Acqua


Immergendo le mani nel tuo scorrere perenne,
ho lasciato che scivolassi sulle mei mani
purificando il mio corpo dal male.
Ho raccolto la pietra più lucente
perchè illuminasse la mia mente
e mille volte ho ringraziato la terra,
mia unica madre,
per avermi donato te
anima pura.

(Sabry aka Iside)

giovedì 17 novembre 2011

Il mio tempo


Seduta all’ombra di un nero ontano,
sorda ad un suono lontano,
eco di triste campana
carezzata da pietà umana,
osservo l’umida terra smossa,
a coprire vecchie ossa,
che greve si posa
e diviene dell’anima sposa.
E sebbene dolce sia il pensiero della morte
che ponga fine a questa sorte
ancora non è giunto il tempo
ch’io possa cullare il tormento.
Che io possa vedere vicino
la fine di un cammino divino
nel suo incedere su sentieri in rovine
recanti corone di spine.
(Sabry aka Iside)


Il mio tempo by isidei

giovedì 3 novembre 2011

Stanca Ofelia

Stanca Ofelia
su un letto di pace
annullo il mio corpo
coprendo il tuo scorrere.
Carezzevole sogno
di placide acque
scivolo tra veli e catene.
Ed ogni mio scorrere
è ricordo di me.

Sabry aka Iside

mercoledì 2 novembre 2011

Il vecchio della montagna

Disse il vecchio della montagna:
” Che il sole non ti sia d’inganno
presto lascerà il suo posto al buio.
Che questa luce non ferisca i tuoi occhi,
che non li renda ciechi alla verità.
Guarda la montagna, respirala, diventa sua discepola.
E’ maestosa, perenne, forte e sempre la vedrai così,
sia che l’abbracci il sole, sia che l’accarezzi la pioggia.
Non teme la luce e non teme il buio.
Non freme davanti allo scandir del tempo.
Nel tuo cammino non cercare il calore del sole
o la quiete del buio.
"Cerca sempre la possenza della montagna”.

Sabry aka Iside